Monday, June 2, 2014

Goals dai 2 anni ai due anni e sette mesi

Una volta che i bambini iniziavano ad interagire e a ripetere parole e a comprendere, siamo passati a obiettivi piu' complessi. A due anni ci sono stati dati obiettivi per i sei mesi successivi. Ci tengo a sottolineare che questi obiettivi sono stati dati a Zack e Dylan in base al loro sviluppo verbale e cognitivo per cui bisogna sempre collegarli non all'eta' del bambino ma ad una serie di situazioni:
a) eta' uditiva del bambino b) inizio terapia AVT con il bambino 3) eta' del bambino 4)sviluppo del bambino 5) coinvolgimento della famiglia nello sviluppo del bambino

Possibile che questi obiettivi non vadano bene per i vostri bambini perche' magari i vostri sono molto piu' avanti dei miei gemelli. Sono pero' convinta che sia comunque utile avere degli esempi di esercizi che noi abbiamo fatto con loro.

Le strategie sono sempre da dividere fra quelle che vengono date ai genitori per aiutare i bambini e gli obiettivi che devono raggiungere i bambini.

Strategia per i genitori e per i bambini

1) Stimolare il bambino a indirizzare il messaggio guardando la persona a cui si rivolge. Dylan tendeva a fare le domande guardano sempre me sebbene stesse rivolgendo la domanda al suo daddy. Allora io mi sono messa vicino a lui e abbracciandolo gli spiegavo che doveva guardare Daddy.

2) Descrivere ogni attivita' della giornata (es quando laviamo i denti a Dylan diciamo: Dylan prima di tutto dobbiamo premere il dentifricio, secondo dobbiamo metterlo sullo spazzolino e terzo dobbiamo lavare i denti; se gli prepariamo il toast dobbiamo dire "Dylan prima mettiamo il toast ad abbrustolirsi, poi prendiamo il coltello e spalmiamo il formaggio, poi aggiungiamo altro toast sopra)

3) Stimolare il bambino sui pronomi possessivi (Questo libro e' mio e questo tuo)

4) Stimolare il bambino ad arricchire il vocabolario con almeno due informazioni nella frase (Dylan mi puoi mostrare la coda del cavallo e le orecchie del gatto?, Ho bisogno del piatto di Zack e del bicchiere di Dylan e cosi' via)

5) Creare delle attivita' dove Dylan puo' dare istruzioni ad altre persone (es Dylan devi dire a daddy  "mi disegni un gatto? o un arcobaleno?, "taglia la banana", o "calcia il pallone", o "lava le mani" o "andiamo a scuola")

6) Giocare a simulare attivita' che si fanno quotidianamente (colazione, andare a scuola, pranzo, cena) e spingiamo Dylan a parlare per esprimere i suoi desideri o bisogni attraverso i personaggi del gioco (es "E' il mio turno ora", "Aspetta, ora sono occupata", "ridai quel gioco al bambino", "stai tranquillo tanto mamma viene a riprenderti presto").Per esempio noi abbiamo comperato la scuola e la piscina di Playmobil e facciamo parlare fra di loro i personaggi e diamo un ruolo a Dylan e Zack e cosi' loro devono interagire. Es con la piscina Daddy chiama Dylan e gli dice che prima di andare in piscina deve spalmarsi la crema e lui risponde "Daddy aspetta perche' prima voglio fare la pipi'". Ora Zack e Dylan esprimono spesso i loro sentimenti. Es l'altro giorno sono andata a prenderli a scuola e ho sentito Dylan che dicava ad un bambino (che stava piangendo) "ora la mamma arriva"


Spingere il bambino ad usare spontaneamente verbi che esprimano azione/desiderio
Diretti alle persone: "taglia la banana, incolla il foglio"
Soluzioni: Ho bisogno della penna
Preferenze: Mi piace il gelato
Comandi e suggerimenti: "Guardami, versa l'acqua e cosi' via
Commenti: Non c'e' piu' il succo, mamma sta cucinando
Negazione: Non c'e' piu' acqua, non toccare, non spingere


7) Aiutare il bambino a raccontare il suo piano alle persone attraverso le domande "Quale e' il tuo piano ora?' o "A cosa stai pensando?". Per arrivare a questo obiettivo bisogna partire dai piccoli progetti o pensieri (es "Devi dire alla nonna di aspettare, devi prima prendere la penna")

8) Linguaggio: delle volte i bambini (tutti e non solo con CI o PA) non pronunciano bene alcune lettere per cui usare per esempio lo spazzolino come microfono mentre si lavano i denti e provare a fare esercizi su alcune lettere (es f,v,k e g). Provare a ripetere queste lettere con una vocale al seguito (kee, vii o fee faa). Insegnare loro per esempio a mettere il dito vicino al labbro inferiore per pronunciare bene la V.

9) Dare al bambino sempre una opportunita' per generare parole e linguaggio (Zack disegnamo. Di cosa abbiamo bisogno per disegnare? carta, pennello, colori, scotch per attaccare il foglio al tavolo e forbici per tagliare lo scotch). Andiamo al parco giochi? quali sono i giochi con cui giochiamo al parco giochi? e loro dovrebbero dire "scivolo, sabbia, altalena e cosi' via"

10) Dare info al bambino su 'perche'" e "cosa succederebbe se". Es Zack oggi non possiamo andare al parco perche' piove e se andiamo al parco ci bagniamo tutti e poi tornando a casa ci dobbiamo cambiare i vestiti. In questo caso spieghiamo il perche' di una situazione e cosi' lui comprende da solo cosa succederebbe se andassimo al parco con la pioggia.

11) Ogni volta che si va dalla AVT si racconta cosa si e' fatto durante la settimana e come? Es aiutandosi con delle immagini che aiutino i bambini a ricordare tutto quello che hanno fatto. Es il weekend siamo andati al mare e i bambini sono saliti sull'asinello e allora basta dare loro la foto e dire loro di spiegare alla loro AVT dove sono stati e cosa hanno fatto. Questi sono esempi di azioni.

Siamo andati sulla spiaggia e abbiamo cavalcato il somarello



Oppure Daddy ci ha insegnato a mangiare il Calippo:) Prima dobbiamo premere e poi leccare



Oppure Siamo andati al parco a giocare a calcio




12) Usare espressioni quotidiane spontaneamente ("Tocca a me, lo voglio, e' mio, mi aiuti?, vai via)

13) Sviluppare la loro capacita di fare domande con "Dove" , "Quando"

14) Problem solving. "Oh Zack la bottiglia si e' rotta, cosa possiamo fare ora?", "Oh Zack, Dylan ha la febbre cosa possiamo fare?"

15) Play shopping. Simulare con i bambini il gioco dello shopping. "Buongiorno Zack cosa vorresti comprare oggi?" Una volta che lui dice spontaneamente cosa vuole comprare allora dare lui un euro per pagare. La volta successiva lui sara' il venditore e voi il cliente.

16) Leggere un libro e poi chiuderlo e chiedere loro di raccontarvi la storia (potete aiutarli facendo domande). Es Zack perche' Cappuccetto Rossa deve andare a trovare la nonna? e cosi' via

17) Nulla si deve dare per scontato. Chiedere "Come ti chiami? Dove sei nato? Quanti anni hai? Hai sorelle o fratelli? Dove vivi ora?". Diciamo che verso i due anni e mezzo i bambini iniziano a sviluppare la consapevolezza vera e cosi' iniziano a rispondere a queste domande. Altra cosa quando vanno al nido e la maestra chiede loro "Come va?" loro devono rispondere (Bene grazie).

18) Stimolarli a cantare li spinge a aumentare il loro linguaggio ma anche a sentire la loro intonazione mentre cantano. Qui Zack e Dylan cantano (Row the boat)






Un bacio a tutti voi da noi tutti:)





4 comments:

  1. Replies
    1. Grazie Alessandra e fammi sapere se e' tutto chiaro e se ti vengono in mente esercizi in piu' da aggiungere. Buonissima giornata

      Delete
  2. Sei grande grande grande!!! Quanto avrei avuto bisogno di te quando abbiamo iniziato!!! <3

    ReplyDelete
    Replies
    1. Cara sono certa che tu stia seguendo una strada ottima visto i risultati di Gaia. Spero che i miei post possano aiutare i bambini a sviluppare il loro linguaggio. Sono certa che in Italia ci siano ottime logopediste e che seguano gia' il metodo AVT. Grazie Ste

      Delete